“It’s So Easy (and Other Lies)” Becomes a Documentary Film

[Scroll down for the Italian version]Duff McKagan's book "It's So Easy (and Other Lies)"Duff McKagan did it again. He wrote another book, accompanied by an EP. But I won’t talk about the new How to Be a Man (and Other Illusions) here, as I’ll focus on the 2011 New York Times bestseller It’s So Easy (and Other Lies) instead, which I have just devoured. Right in time to read the news that the autobiography of the Guns N’ Roses bassist, member of the original lineup and now part of the highly rumoured reunion tour, has become a documentary directed by Christopher Duddy.

Out on 26 May in the United States, It’s So Easy and Other Lies adapts Duff’s story into a mix of animation, interviews, and live performances recorded at the Moore Theatre in Seattle during the promotional tour to support the book. With featured interviews with Slash, Duff’s pal in GN’R and Velvet Revolver, the portrait of the rise, fall and rebirth of the musician and writer is told through a chorus of voices that includes Mike McCready (Pearl Jam), Nikki Sixx (former Mötley Crüe, now Sixx: A.M.), and Sensei Benny “The Jet” Urquidez, who has played a key role in helping Duff to go back on track through martial arts.

In no particular order, here’s what I liked the most of the literary debut of the former punk kid from Seattle.

  • The style. It should go without saying, but It’s So Easy (and Other Lies) is well written. Especially considering the fact that McKagan, although he contributed to the songwriting of many of the hits in GN’R and the subsequent bands he played in, was not born as a writer. Before he penned the story of his own life, he ran columns for the Seattle Weekly and Playboy, but it is really when you read the book that you realize how late into his life he started to develop his literary education – basically, after closing the GN’R chapter. And it’s not only about having a good collaborator (in this case Tim Mohr), as Slash too wrote his autobiography with Anthony Bozza, but the two books are clearly very far away when it comes to the quality of writing.
  • The variety. Here the music is a texture that goes through Duff’s life, and the focus shifts to how the choice of becoming a musician at a tender age influenced his whole lifestyle, and not vice versa. So there is much more room for family issues, his battling with drug addiction and alcoholism, the rehab and discovery of martial arts, his comeback to school, and how personal and professional decisions affected the existence of friends and family.
  • The honesty. As for every true story, we tend to take for granted the integrity of the writer. But think about how much certain autobiographies are sweetened, or on the contrary how much they hit the pedal of excess for the sake of shocking the reader. Here Duff did not spare any of the mistakes he made – things that almost cost him his life – in the attempt to share with the reader the painful but valuable lessons he learned in the process.

Judging from the trailer, the documentary seems to tell Duff’s extreme past by adopting the opposite perspective from the book. If in the latter the author translated the myriad of voices that played a role in his story, into a monologue, in the former it’s the direct testimony of people who were there to witness his personal journey that reveals the portrait of the man behind the rock star.

 

* * *

Duff McKagan l’ha fatto di nuovo. Ha scritto un altro libro, accompagnato da un EP. Ma non è del nuovo How to Be a Man (and Other Illusions) che voglio parlare, bensì del precedente bestseller It’s So Easy (and Other Lies), che ho appena divorato. Giusto in tempo per leggere la notizia che l’autobiografia del bassista dei Guns N’ Roses, membro della lineup originale e ora in forza all’attesissimo reunion tour, è diventato un documentario diretto da Christopher Duddy.

In uscita il 26 maggio negli Stati Uniti, It’s So Easy and Other Lies adatta il testo di Duff con un mix di animazione, interviste, ed esibizioni live registrate al Moore Theatre di Seattle durante il tour itinerante per la promozione del libro. Immancabile il contributo di Slash, al fianco di Duff nei GN’R e poi nei Velvet Revolver. Ma il ritratto dell’ascesa, caduta e rinascita del musicista e scrittore è affidato ad un coro di voci che comprende Mike McCready (Pearl Jam), Nikki Sixx (ex Mötley Crüe, ora Sixx: A.M.), e Sensei Benny “The Jet” Urquidez, che ha avuto un ruolo fondamentale nell’aiutare Duff a rimettersi in sesto attraverso le arti marziali.

Senza un ordine particolare, ecco cosa ho apprezzato dell’esordio letterario dell’ex ragazzino punk di Seattle.

  • Lo stile. Sembra scontato dirlo, ma It’s So Easy (and Other Lies) è scritto bene. Soprattutto considerando il fatto che McKagan, anche se ha contribuito ai testi di molte delle canzoni dei GN’R e delle band successive in cui ha suonato, non nasce come scrittore. Prima di gettarsi a capofitto a mettere nero su bianco la sua storia ha fatto un po’ di palestra scrivendo per il Seattle Weekly e Playboy, ma è leggendo il libro che ci si rende conto di quanto la sua educazione letteraria sia iniziata ad un’età piuttosto avanzata, dopo aver chiuso con i Guns. E a far la differenza non è solo il suo collaboratore, Tim Mohr, perché basta leggere l’autobiografia di Slash scritta con Anthony Bozza per capire quanto lontani siano i due libri…
  • La varietà. Qui la musica è una trama sottile che avviluppa la vita di Duff e il focus è più spostato su quanto la scelta di fare il musicista abbia influenzato la sua vita, e non viceversa. Dunque c’è molto più spazio per la famiglia, la dipendenza da alcool e droga, il percorso di riabilitazione che passa dalle arti marziali, il (ri)farsi un’educazione, e il peso delle scelte personali e professionali che hanno condizionato anche l’esistenza di chi gli sta intorno…
  • L’onestà. Ancora una banalità: considerando che si tratta della storia della propria vita, si tende a dare per scontata l’integrità di chi scrive. Ma se si pensa a quanto siano edulcorate certe autobiografie, o quanto al contrario schiaccino l’acceleratore sull’eccesso per il gusto di scioccare il lettore, il fatto che Duff non abbia risparmiato nulla degli errori commessi – che gli sono quasi costati la vita – è proporzionale alla quantità di lezioni imparate messe a disposizione di chi legge.

A giudicare dal trailer, il documentario sembra dar conto del passato estremo di Duff adottando la prospettiva opposta rispetto al libro: laddove lo scrittore ha tentato di dar conto della miriade di voci che hanno avuto un ruolo nella sua storia, assemblandole di fatto in un monologo, il regista si affida alla testimonianza diretta delle persone che hanno assistito alla sua parabola per comporre il ritratto dell’uomo dietro la rock star.